impegno, tradizione, innovazione sono la chiave del nostro successo.

ALBICOCCHE

L’Albicocca è un frutto estivo deliziosamente profumato, piacevolmente dolce, caratterizzato dalla equilibrata presenza di acidi organici e di zuccheri. Quando pensate alle albicocche, immaginatele come una potente miscela compatta di sostanze benefiche. I principi nutritivi che nobilitano queste sferette dolci e vellutate sono soprattutto betacarotene e licopene.

ORIGINI
Frutto di una pianta originaria dell’Asia, diffusa in Europa durante l’epoca romana. L’albicocca matura in Italia durante il periodo estivo regalando un sapore dolce e succoso. Caratteristica è la sua buccia vellutata dai colori che spaziano dal giallo al rosso, scrigno di un frutto povero di calorie e ricco d’acqua, ideale per dissetarsi e fare scorta di fibre, sali minerali, vitamine e anti-ossidanti.

CURIOSITÀ
Le Albicocche non ancora mature vanno lasciate maturare fuori dal frigorifero in una ciotola o un sacchetto di carta. Vanno messe in frigorifero solo quando sono pronte per essere consumate poiché il freddo blocca il processo di maturazione. In questo stato possono durare 6-7 giorni.

PROPRIETÀ E BENEFICI
Grazie all’alto contenuto di vitamina A e vitamina C, unito all’abbondanza di potassio e di fibre alimentari, l’albicocca grazie anche alla sua buona digeribilità, è senza dubbio un frutto con buone proprietà dal punto di vista nutrizionale. La sua assunzione è particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia o di spossatezza cronica, per le persone convalescenti, per gli anziani e per i bambini nell’età della crescita. La vitamina A è altresì utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, mentre, l’alta percentuale di potassio presente nell’albicocca è in grado di prevenire vari disturbi del sistema nervoso e muscolare.
• Protegge la retina
• Riduce la glicemia
• Combatte la ritenzione idrica e la cellulite

RICETTA
Arrosto alle albicocche
Preparazione dell’arrosto: tagliare la lonza in modo orizzontale da inserirvi le fette di albicocca tagliata a rondelle. Legare l’arrosto con lo spago per la lunghezza.
Mettere la lonza di maiale in una teglia, cospargerla d’olio e condirla con sale, pepe, timo e salvia.
Infornare a 220° C.
Quando inizia a formarsi il sugo di cottura, aggiungere in teglia le restanti albicocche.
Irrorare continuamente con il sugo di cottura e, quando sarà ben bollente, aggiungere un bicchiere di vino bianco.
A termine cottura, irrorare l’arrosto con l’aceto balsamico.
Tenere in forno per quarantacinque minuti.
Appena sfornato l’arrosto, prendere le albicocche e parte del sugo di cottura e frullare il tutto per formare una crema da servire sulle fette di arrosto impiattate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *